La mia Play.

Nonostante una spiacevole influenza che mi ha colto sabato notte e mi ha costretto a farmi l’ultimo giorno di fiera tenuto in piedi da aspirina e tachipirina, la Play appena conclusa è stata davvero una bella manifestazione, sia in sé che per quanto riguarda Red Glove e, naturalmente, il sottoscritto: l’inconfondibile stand del Castello del Guanto Rosso è stato sempre gremito di giocatori, i giochi in demo sono andati davvero bene, ho rivisto un sacco di amici e partecipato a eventi interessanti.

E’ stato molto divertente fare da giurato nell’ambito di Nerd Play Award, un evento decisamente brillante che è riuscito ad unire simpatia e professionalità, nonostante l’ovvia inesperienza dei partecipanti, tutti esordienti, col bonus che una volta tanto è stato piacevole fare da giurato senza essere fra gli organizzatori! Un grazie sia a Lega Nerd che ai ragazzi di Sir Chester Cobblepot, i veri mattatori dell’iniziativa.
Grande soddisfazione anche per la vittoria di Pizzeria Italia, di Ilenia Nacci, ai Family Award di Play, iniziativa portata avanti da Assogiocattoli, Tana dei Goblin e dalla stessa manifestazione, che ha permesso anche ai giochi per famiglie di avere il loro “momento di gloria” in una fiera che per ovvi motivi dedica il padiglione principale ai giocatori “tosti”.

E ovviamente è stato molto piacevole anche il torneo “for fun” di Vudù, organizzato dalla Boardgame League, progetto che ho avuto l’onore di veder nascere e che adesso, a cinque anni dalla storica inaugurazione di Play 2010, con oltre 50 BGL Point, quasi 500 giocatori e addirittura 5 convention in programma si conferma come una realtà forte e viva, un punto di riferimento insostituibile per gli amanti del gioco organizzato e della competizione ludica.

Non so quanto sia stato merito dello stand costantemente gremito, ma ho avuto l’impressione di una Play che sembra decisamente in crescita, sia per quanto riguarda il pubblico (si parla di oltre 30.000 ingressi) che per la ricchezza del programma.

Ovviamente la parte più bella dell’evento è stata, però, la possibilità di rivedere tanti amici da tutta Italia, di cui non andrò a fare i nomi perché sennò il post finite di leggerlo domani. Mi preme però ringraziare tutti i blogger passati dal nostro stand per salutare e per provare Rush & Bash, il nuovo gioco di corse di Erik Burigo, e ovviamente tutti i giocatori che si sono fermati a giocare da noi.

Un grande saluto anche a tutte le vecchie conoscenze, giocatori e membri delle varie Tane sparse per lo stivale, e un grazie particolare a Dave e ai Goblin di Civita Castellana che mi hanno portato una bottiglia della loro birra artigianale “Itineris” (appunto per i fan: queste iniziative sono molto gradite, purché non portiate uova e ortaggi per tirarmeli dopo una partita particolarmente tosta di Vudù). E, ovviamente, a tutto lo staff Red Glove che ha dato veramente il massimo fino all’ultimo minuto.

Insomma, davvero una splendida Play, piena di gioco, di amici, di divertimento. Per fortuna, come hanno scritto sulla pagina Facebook dell’evento, un anno passa in fretta: ci vediamo l’anno prossimo per una nuova abbuffata di giochi ed emozioni.

Advertisements

One thought on “La mia Play.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s